Follow us on

Amici food rockers, vi ricordiamo che il progetto Food'n Rock non riceve finanziamenti da nessuno, il lavoro viene fatto per passione della cucina e del Rock’n Roll!


1 € può bastare ma qualsiasi sponsorizzazione per il progetto ci sarà di grande aiuto per continuare al meglio.Stay Rock And Love Food!

No, grazie.
Clicca il logo Paypal e prosegui su paypal.com. Inserisci l'importo della tua donazione e prosegui.

Ricette : Antipasti

The Cave - Mumford & Sons
Sarde in saor
  • Preparazione ~20 min
  • Cottura ~20 min
  • Ingredienti per 40 persone
  • Costo: Basso
  • Difficoltà: Bassa

Sarde in saor

4,8/5

La ricetta delle sarde in saor ci porta a gustare un antipasto davvero delizioso della cucina veneziana, tanto che vengono spesso servite come spuntini nei bacari veneziani. 

La base di sarde fritte viene condita con il saormetodo di conservazione dei naviganti veneziani,  ovvero con cipolle cotte in agrodolce e carammellate. Tradizione vuole anche l'aggiunta di uvetta e pinoli tostati. Questo metodo consentiva di mantenere per giorni in ottimo stato il pesce fritto, infatti le sarde sono ancora più buone se lasciate almeno 24 ore a riposo. 

Qui trovate la ricetta delle sarde in saor tradizionale, mentre ora vediamo come crearne una dal tocco rock! Seguite i passaggi per creare una versione di sarde in saor finger food da servire come aperitivo.

Ingredienti

  • 600g sardine fresche
  • 3 cipolle grosse rosse
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 1 bicchiere di aceto di riso
  • 1 cucchiaio di aceto balsamico
  • 4 cucchiai di zucchero di canna
  • 2 foglie di alloro
  • qb sale e pepe

Per friggere

  • 1litro olio di semi di arachide
  • qb farina o semola

Procedimento

1

Prepariamo una versione alternativa delle classiche sarde in saor. Lavare e sbucciare le cipolle. Affettare finemente le cipolle con una mandolina per ottenere lo stesso spessore per la cottura. 
Ponetele in una casseruola con dell'olio d'oliva e l'alloro. Lasciate imbiondire le cipolle a fuoco basso. Versate poi l'aceto e il vino bianco e lasciate sfumare. Infine lo zucchero e l'aceto balsamico, lasciate caramellare.
Aggiustate di sale e pepe, lasciate raffreddare.

2

Squamare le sarde con il dito sotto un filo d'acqua corrente. Pulitele aiutandovi con uno spelucchino: eliminate la testa, le interiora e la lisca centrale, lasciandole aperte a libro. 
Passatele nella farina, infarinando bene entrambi i lati. Scuotetele bene per eliminare la farina in eccesso e friggetele in abbondante olio di semi di arachidi a 180 gradi.

3

Impiattate le mono porzioni adagiando sopra le sarde un nido piccolo di cipolle, guarnite con un'uvetta e un pinolo.

Oppure se preferite potete creare la classica terrina, in questo stratificate le sarde coprendo con il saor.

 

Consigli

☞ Volete dare un tocco più rock? Servite su un crostino di pane o polenta grigliata.

♫ Food rockers nostalgici del vinile, a questo link potete acquistare l'album Sigh No More dei Mumford & Sons

Ti potrebbe servire

Disponibile
su amazon
Pentola per frittura
Disponibile
su amazon
Carta Cuki per fritti
Disponibile
su amazon
Ragno da cucina
Disponibile
su amazon
Set di 4 Ciotole in Acciaio Inox

Ricette correlate

Bigoli in salsa
Bigoli in salsa
Bigoli in salsa
Bigoli in salsa
Pasta con le sarde
Pasta con le sarde
Sarde in Saor ricetta tradizionale
Sarde in Saor ricetta tradizionale
Insalata di seppie e asparagi verdi
Insalata di seppie e asparagi verdi
Insalata di gamberi rosa e zucchine
Insalata di gamberi rosa e zucchine

3 Commenti

  1. 8 Aprile 2021
    Silvano

    Buongiorno, permettetemi di correggere questo piatto. Non c’è nessun bisogno dello zucchero, basta appassire bene la cipolla prima dell’aggiunta dell’aceto. Sono un Chef professionista di Venezia e ai nostri piatti tradizionali ci tengo. Grazie

    Rispondi
    1. 8 Aprile 2021
      Redazione F&R

      Ciao Luciano, grazie per il tuo contributo. Le ricette che proponiamo, come questa, hanno spesso un tocco Rock che ci contraddistingue. Inseriremo anche la ricetta tradizionale, siamo anche noi del settore e concordiamo sull’importanza della tradizione.

      Rispondi
  2. 7 Settembre 2018
    Stefi

    Deliziose!

    Rispondi

Lascia un commento

* Campo obbligatorio. La tua email non verrà pubblicata.

Non condivideremo mai i tuoi dati. Cliccando acconsentirai al trattamento dei miei dati personali e confermo di aver letto l'Informativa Privacy [link privacy]

Sponsorship, help us!

Amici food rockers, vi ricordiamo che il progetto Food'n Rock non riceve finanziamenti da nessuno, il lavoro viene fatto per passione della cucina e del Rock’n Roll! 1 € può bastare ma qualsiasi sponsorizzazione per il progetto ci sarà di grande aiuto per continuare al meglio.Stay Rock And Love Food!


Clicca il logo Paypal e prosegui su paypal.com. Inserisci l'importo della tua donazione e prosegui.